Traffico Marittimo

Il Porto di Civitavecchia

Il Porto di Civitavecchia, fondato dall'imperatore Traiano, come porta di Roma, ha rappresentato per molti secoli il fulcro degli scambi e dei contatti tra i popoli dell'antico "Mare Nostrum" (il mare Mediterraneo).

Ancora oggi, Civitavecchia conserva questa posizione privilegiata, collocandosi al centro di un moderno ed efficiente sistema ferroviario, stradale e aeroportuale che collega la capitale ed il centro Italia con il resto del mondo.

Traffico crocieristico

Il porto di Civitavecchia è un gate Europeo strategico per l'accesso alle più importanti zone turistiche italiane ed alle grandi rotte crocieristiche mediterranee. Le opere di potenziamento delle banchine e delle strutture di accoglienza dei passeggeri hanno permesso di registrare uno straordinario incremento degli approdi delle navi da crociera, passando dalle 50 navi del 1996 alle oltre 900 unità del 2006.
Con un milione ottocentomila passeggeri crocieristi annui, Civitavecchia punta a rafforzare il traffico turistico con l'obiettivo di diventare il più importante porto crocieristico del Mediterraneo.

Short Sea Shipping

Il Porto di Civitavecchia ha anche effettuato importanti investimenti nell'ambito del progetto "Autostrade del Mare" con la realizzazione di un nuovo terminal dedicato al traffico Ro-Ro, ospitando fino a 15.000 vetture. Sono state attivate linee di collegamento regolari con molti porti del Mediterraneo: Barcellona, Tolone, Tunisi, Sardegna, Sicilia e Malta.

Il traffico di cabotaggio marittimo è in forte ascesa sia per quanto riguarda il trasporto di autovetture destinate al mercato italiano, sia per quanto riguarda il trasporto merci su strada.

Merci

Porto di Civitavecchia non significa solo passeggeri. Ogni anno a Civitavecchia vengono movimentate circa 11 milioni di tonnellate di merci di massa - rinfuse, cereali, prodotti forestali, prodotti siderurgici e prodotti chimici.
L’attuale Terminal Container, movimenta annualmente oltre 300.000 containers con un traffico in forte espansione.

Il nuovo Terminal Container, la cui attivazione è prevista nel 2018, consentirà di gestire oltre un milione di container, mentre la nuova banchina, con una profondità di 17 m ed una lunghezza di 750 m, renderà possibile l’accosto delle grandi navi porta container transoceaniche.

MAPPA CONNESSIONI PORTUALI

PORT CIVITAVECCHIA